International version

Profezie sul Papa e il Vaticano



“Quando manca la profezia nella Chiesa, manca la vita stessa di Dio e ha il sopravvento il clericalismo”, ha detto il Papa nella messa celebrata a Santa Marta nel terzo lunedì d’Avvento, concludendo l’omelia con la preghiera: “Signore, che non manchino i profeti nel tuo popolo!”. Ma già l’elezione di questo Pontefice è stata accompagnata da un segno profetico: un uomo venuto da Assisi, vestito di sacco e a piedi nudi, che durante il Conclave sotto la pioggia a Piazza San Pietro pregava in ginocchio per un Papa povero e vicino ai poveri … E poi quel “pellegrino di Assisi” - come è stato definito da tanti - non era arrivato lì di sua iniziativa, ma vi era stato mandato da un autentico “profeta” di Assisi, Marcello Ezechiele Ciai: le cui profezie su Roma, sul Vaticano, sul terremoto di Assisi e sul crollo dell’economia mondiale, si sono verificate e si stanno tutt’ora verificando in modo sorprendente e anche drammatico. Un sofferto mistico della terra di Assisi che ha arricchito la Chiesa di Cristo con un vero dono di profezia, in questi ultimi tempi della misericordia divina.

 

 

www.ciai-s.net/profezia-santificante_Papa-Wojtyla.htm

Il diciotto luglio dell'anno millenovecentonovantacinque Marcello Ciai così profetizzò su Papa Giovanni Paolo II:


La profezia è stata tolta dopo la morte di Papa Giovanni Paolo II

Ma questa profezia sembra estendersi oltre il pontificato di Papa Wojtyla, poiché al Vaticano preannunciava anche: «Ogni protezione è divelta, o casa di Pietro». E il venir meno di ogni protezione intorno alla Chiesa, anche dal punto di vista mediatico - come per l’eclatante scandalo dei preti pedofili - è cosa dei nostri giorni; e più che mai attuale è il monito della profezia a piangere, e a fare penitenza come anche in questi ultimi tempi ripetutamente sollecitato da Papa Benedetto XVI.

La Profezia è stata pubblicata nel libro "Marcello Ezechiele Ciai  Profezie"

 



Città del Vaticano - Roma


Al Conclave


La profezia sul Papa fu proclamata alla presenza di Giovanni Paolo II stesso, in occasione della Sua visita a Vienna nell'anno 1998 e consegnata poi al cardinale Christoph Schönborn che disse: "Il Papa deve ascoltare quello che dice lo Spirito Santo".
 


Marcello Ciai desidera rendere chiaro a tutti che ama profondamente la Madre Chiesa e ha nel suo cuore il Papa. A testimonianza di questo, riportiamo un brano di uno scritto pubblicato dal giornale "La Stampa" a firma di Guido Ceronetti, in merito ad un' altra visione di poco antecedente l'attentato al Papa del 1981.




                      

Trascriviamo il testo della visione: 

<<Nel primo giorno del quinto mese dell'anno 1981, vidi in sogno il Papa gravemente malato e pallido in viso, ma in piedi dietro un piccolo tavolo bianco da ospedale. Anch'io stavo in piedi, di fronte a Lui, in silenzio, come un allievo dinanzi al suo maestro....>>

(Da "Il sacchetto con 10 covoni" redatto nell'agosto del 1995, covone 6, dal titolo "San Gregorio Magno")
 


Il Linguaggio e il comportamento del Pontefice Karol Wojtyla è poi cambiato!

Città del Vaticano-Aula Paolo VI - Roma, 11 Dicembre 2002

Per il Papa: "Più tragico della guerra è il silenzio di Dio. - Il Creatore in silenzio sembra chiuso nel suo cielo e non si rivela più. Ci si sente soli e abbandonati, privi di speranza. - Dio è disgustato dell'umanità"
«La svolta: il popolo ritorna a Dio e gli rivolge un'intensa preghiera. Riconosce innanzitutto il proprio peccato con una breve ma sentita confessione della colpa: "Riconosciamo, Signore, la nostra iniquità... abbiamo peccato contro di te."
Il silenzio di Dio era, dunque, provocato dal rifiuto dell'uomo.
Se il popolo si converte e ritorna al Signore, anche Dio si mostrerà disponibile ad andargli incontro per abbracciarlo».

Ecco, è proprio quello che gli chiedeva Dio, nella profezia di Marcello.

 

 

Roma, Pasqua 2003 - Il Papa alla benedizione "Urbi et Orbi" della Domenica di Pasqua,
canta a sorpresa gli auguri in latino sorridendo:

"Surrexit Dominus de sepulcro qui pro nobis pependit in ligno. Alleluja!"
(E' risorto il Signore, dalla tomba: Lui che per noi fu appeso sul legno. Alleluia!)

“Expergiscere, homo: quia pro te Deus factus est homo!”
"Svegliati, uomo: poiché per te Dio si è fatto uomo"

Giovanni Paolo II ad Assisi
 


 

 

 

 

 


Il Cardinale Joseph Ratzinger dichiara:
La Chiesa è in crisi, pensa troppo a se stessa.
Torniamo al Vangelo
del Signore Gesù Cristo e al fuoco che Lui ha portato sulla terra.
La salvezza solo nella Chiesa Cattolica: è vero ma...
www.ciai-s.net/Ratzinger.htm

http://www.ciai-s.net/2000.htm

Papa Benedetto XVI
 

Links:

Il ritorno del Signore Gesù

Alla Città gaudente

http://www.iaca.it/profezie.htm

 

punto elenco

Home Page

 

Libri su un'opera profetica sorta da oltre trent'anni in Assisi, che coinvolgerà il mondo.

 


" OPERE " CHE NON SI TROVANO IN INTERNET

Interessanti, attuali eventi mondiali

Ciai's